Portale Trasparenza Comune di Carrara - Procedure relative al diritto allo studio scolastico

Il portale della Trasparenza conforme al D.Lgs. 33/2013 - "Amministrazione Trasparente"

Tipologie di procedimento

Procedure relative al diritto allo studio scolastico

Responsabile di procedimento: Lorenzini Maria Laura
Responsabile di provvedimento: Vitale Guirardo
Responsabile sostitutivo: Vitale Guirardo, Petrucciani Angelo

Descrizione

Il Comune di Carrara approva ogni anno un Bando pubblico per il diritto allo studio scolastico rivolto agli studenti residenti a Carrara, che frequentano la scuola media e superiore, al fine di sostenere le spese necessarie per la frequenza scolastica (libri di testo, altro materiale didattico e servizi scolastici).
Per ottenere il beneficio economico lo studente deve appartenere a un nucleo familiare con un I.S.E.E. (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) in corso di validità, riferito al reddito dell’anno precedente, non superiore a € 15.748,78.
La domanda, su apposito modulo, deve essere firmata (a pena di esclusione) e presentata all’Ufficio protocollo del Comune di Carrara. In alternativa la documentazione può anche essere spedita tramite raccomandata A.R. indirizzata al Comune di Carrara, Settore Cultura e Biblioteca /Servizi Educativi e Scolastici, Piazza 2 Giugno 1 – 54033 Carrara (farà fede la data del timbro postale) o al seguente indirizzo di posta elettronica:  comune.carrara@postecert.it
I moduli sono anche disponibili anche presso le segreterie delle scuole, le Biblioteche, l’U.R.P.
Modalità per attivare il potere sostitutivo: tramite istanza al dirigente e tramite istanza scritta al Segretario Generale. Per l'accesso agli atti è necessario presentare apposita domanda agli uffici competenti.
A seguito della presentazione dell’attestazione ISEE, l’Amministrazione Comunale effettuerà opportuni controlli, ai sensi degli artt. 43 e 71 del D.P.R. n. 445 del 28/12/2000, sulla veridicità delle dichiarazioni ISEE prodotte. Detti controlli devono interessare almeno il 10% dei soggetti risultanti ammessi al beneficio. Qualora le dichiarazioni presentino delle irregolarità o delle omissioni rilevabili d’ufficio, non costituenti falsità, il funzionario competente a ricevere la documentazione dà notizia all’interessato di tale irregolarità. Questi è tenuto alla regolarizzazione o al completamento della dichiarazione, in mancanza il procedimento non ha seguito (comma 3 dell’art. 71 del D.P.R. n. 445 del 28/12/2000). In caso di dichiarazioni non veritiere, il dichiarante decade dal beneficio ed è tenuto alla restituzione di quanto eventualmente già erogato. La responsabilità della veridicità delle dichiarazioni è esclusivamente del richiedente che le ha sottoscritte e che, in caso di falsa dichiarazione, può essere perseguito penalmente (art. 76 del D.P.R. n. 445 del 28/12/2000).

Normativa di riferimento: Programma regionale di sviluppo 2016 – 2020, approvato dal Consiglio Regionale con Risoluzione n. 47 del 15 marzo 2017 e dal Documento di Economia e Finanza regionale DEFR 2019, approvato con Deliberazione del Consiglio Regionale n. 87 del 26 settembre 2018, dalla nota di aggiornamento al Documento di Economia e Finanza Regionale (DEFR) 2019, approvata con Deliberazione del Consiglio Regionale n. 109 del 18 dicembre 2018, e in particolare l’allegato 1, così come modificato dalla deliberazione di Consiglio Regionale del 15 gennaio 2019 n. 2 “ Sostituzione dell’allegato 1 a della deliberazione consiliare 18 dicembre 2018, n. 109 ( nota di aggiornamento al documento di economia e finanza regionale (DEFR) 2019” e in particolare il Progetto regionale  12 “Successo Scolastico e Formativo”, che tra gli interventi prevede, al punto 2, interventi destinati a studenti delle scuole residenti in Toscana, appartenenti a famiglie in condizioni socio-economiche svantaggiate, per sostenere le spese necessarie alla frequenza scolastica con l’obiettivo di garantire il diritto allo studio, nonché dagli Indirizzi deliberati dalla Giunta Regionale con atto n. 432 del 01/04/2019 e dai criteri ed obiettivi d’intervento approvati a livello provinciale, il Comune di Carrara emana il bando per l’assegnazione dell’incentivo economico individuale “Pacchetto scuola” per l'anno scolastico 2019/2020. L. n. 62/200; L.R. n.32/2002 smi; Regolamento di esecuzione L.R. 32/02, approvato con D.P.G.R. n.47/R/03 smi;

 

Chi contattare

Personale da contattare: Lorenzini Maria Laura

Termine di conclusione

Conclusione tramite silenzio assenso: no
Conclusione tramite dichiarazione dell'interessato: no
Come da bando concordato ogni anno con Provincia di Massa-Carrara sulla base degli indirizzi della Regione Toscana

Riferimenti normativi

Servizio online

Tempi previsti per attivazione servizio online: Nessuno
Facebook Twitter Linkedin
- Inizio della pagina -
Recapiti e contatti
Piazza 2 Giugno, 1 - 54033 Carrara (MS)
PEC comune.carrara@postecert.it
Centralino 0585 6411
P. IVA 00079450458
Linee guida di design per i servizi web della PA

© Comune di Carrara - piazza 2 Giugno, 1, 54033 Carrara - Tel. 0585 6411 - Fax 0585 641381 - C.F. e P.iva 00079450458

Il progetto Portale della trasparenza sviluppato da ISWEB S.p.A. www.isweb.it